MovieNails - Principessa Mononoke

PRINCIPESSA MONONOKE

Scheda Film
Titolo originale: 
もののけ姫 Mononoke-hime

Paese di produzione: Giappone
Anno:  1997
Ambientazione: Periodo Muromachi
Regia: Hayao Miyazaki
Durata: 134 m
Genere: Animazione\ Fantastico

Trailler: https://www.youtube.com/watch?v=pkWWWKKA8jY









Finalmente riesco a scrivere il secondo capitolo della mia MovieNails ispirata allo Studio Ghibli, lo studio di animazione giapponese che mi ha rapito il cuore! Il primo film che ho trattato è stato "Il mio vicino Totoro", un film di una bellezza onirica (tipica di questi film) che merita semplicemente di essere visto, comunque vi lascio il post qui.

Per questo secondo capitolo ho scelto Principessa Mononoke, film dell'immenso Hayao Miyazaki datato 1997. Non meravigliatevi se prima di quest'anno nessuno di voi ha mai sentito parlare di questa pellicola, infatti all'epoca uscì in sole 12 sale in tutto il territorio.
Quest'anno dopo ben 17 anni è tornata al cinema in occasione della festa del cinema con un nuovo doppiaggio più  fedele alla versione originale giapponese, beh meglio tardi che mai!

Il film è ambientato nell'era Muromachi, una sorta di Giappone medioevale, qui incontriamo il protagonista maschile Ashitaka il cui villaggio viene attaccato da un gigantesco dio cinghiale consumato dalla maledizione dell'odio. Durante lo scontro il giovane viene anch'esso colpito dalla maledizione ed è costretto a lasciate il villaggio alla ricerca di una cura. Nel corso della pellicola capiremo che Ashitaka è più che altro il mediatore del bene, una sorta di grillo parlante pronto sempre a fare la cosa giusta.

Durante il suo viaggio si imbatte nella foresta del Dio Cervo e scopre quella che è l'origine della maledizione ovvero l'odio generato dallo scontro tra la città del ferro e gli abitanti della foresta. 

Questi due estremi sono rappresentati da due personaggi chiave della storia.
Da un lato abbiamo San, ovvero la nostra principessa Mononoke, un umana abbandonata nella foresta e cresciuta da una famiglia di lupi. San è una ragazza forte, risoluta ma anche molto insicura trovandosi a metà tra il mondo degli uomini ormai schiavi e dipendenti del progresso che sta poco a poco distruggendo la foresta che le ha dato la vita.

Dall'altra parte abbiamo Lady Eboshi che gestisce con amore e giustizia la città del ferro e i suoi abitanti. Questo personaggio troppo spesso viene catalogato come "cattivo", cosa assolutamente sbagliata secondo me. Basti pensare all'amore che dimostra ai lebbrosi della città, alla grande libertà che dà alle donne che la amano fino a dare la vita per lei.

Non è giusto puntare il dito contro la città del ferro, popolata da gente onesta costretta a sacrificare il benessere della foresta per la loro sopravvivenza. Vi ricorda qualcuno?
Chi è il vero cattivo quindi se non il nostro egoismo generato da una società che ci costringe ad evolvere sempre più velocemente per la nostra sopravvivenza? 

E' un film che ho adorato fin dalla prima scena, e gustarlo al cinema è qualcosa di unico. Potrei raccontarvi per ore di cosa penso dei singoli personaggi, dell'idea del regista, di cosa secondo me si nasconde dietro...ma credo che vi annoierei troppo. 
L'unica possibilità che avete è correre a guardare questa pellicola e trarre da soli il suo insegnamento.

Ora veniamo alle unghie.
Gli elementi da rappresentare sono davvero tanti e ora con il senno di poi vi dico che avrei potuto rappresentare qualcosa di più semplice e meno elaborato, ma le MovieNails mi vengono così..non ci posso fare niente! 


PREMESSA: No, se non avete visto il film non capirete cos'ho rappresentato







Ora, spendiamoci due parole..dito per dito.
  • ANULARE: quando San entra in battaglia o semplicemente gira per i boschi si cala sul viso questa maschera. Nel film non viene rivelato il perchè di questa scelta, secondo il mio modesto parere credo che sia per per distaccarsi dalla sua dimensione umana.
  • MEDIO: Moro, la lupa madre di San che proprio come una madre vera aiuta e protegge i suoi cuccioli. Forte, coscienziosa e razionale.
  • INDICE E MIGNOLO: Questi due signorino sono i Kodama, ovvero gli spirit della foresta e degli alberi secondo la mitologia giapponese. Onnipresenti all'interno del film incrementano ancora di più la dimensione onirica e magica della foresta.




Ammetto che il lupo è un bel po' strabico ma abbiate pazienza, non è per niente il mio stile ed ora riguardandolo mi rendo conto che avrei potuto fare di più. Sarà per la prossima volta! 
Anche i Kodama non sono venuti come nei piani, ma come sempre non posso lamentarmi. 

Ecco un veloce sguardo all'occorrente, molto semplice e azzeccatissimo, qui mancano solo gli acrilici con i quali ho provato a realizzare il lupo!

Spero davvero che la nail art fuori dai miei schemi vi sia piaciuta anche se importabile (io l'ho indossa per 4 giorni) e che il film vi emozioni quanto emoziona me..ogni singola volta!

"Oggi ho capito che la foresta è sacra, e nessuno ha il diritto di profanarla. Dov'è Ashitaka? Dobbiamo tutto a lui e alla ragazza. Noi ricostruiremo questa città, ma sarà una città migliore"

Fran

6 commenti

  1. Non ho mai visto questo film ma sai cosa? Mi hai fatto proprio venire voglia!
    Bella la tua nail art!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SIIIII!! *-*
      Fammi sapere se ti è piaciuto!

      Elimina
  2. Bellissime, bravissima! *-*

    RispondiElimina
  3. Brava!! Adoro le unghie "a tema" (in particolare riferite ad anime giappones, "MA VA?"), quindi non posso che apprezzare :)

    RispondiElimina
  4. La nail art è unica! Non ho mai visto questo film, lo ammetto...ma leggendo la tua descrizione mi è venuta voglia di vederlo! Se la mia amica, folle amante del giappone, vedesse la tua nail art, impazzirebbe! Complimenti!

    RispondiElimina